Caffè shakerato, e l’estate si colora di energia - Pianeta Gourmet - giornale su gusto e benessere

Caffè shakerato, e l’estate si colora di energia

Posted by

Il caffè shakerato in estate fa bene. Ovviamente freddo. E non per forza l’espresso. Shakerato, su ghiaccio o in versione sorbetto, è ipocalorico, fresco, energetico e regala buon umore. Allora vi proponiamo qualche ricetta facile e veloce che non vi farà rinunciare alla bevanda più famosa al mondo anche sotto il sole…

 

shaker

 

È estate e fa caldo. Ma non vogliamo rinunciare al caffè. Certo, d’inverno o in autunno un bel cappuccino tiepido è un toccasana. Così come un espresso in tazza ben calda o un mug di caffè corroborante. Ma con la bella stagione ci pensiamo due volte prima di ordinarlo. E allora eccovi servita la soluzione.

 

 

La ricetta del caffé shakerato

La ricetta del caffé shakerato che prepariamo è molto semplice. Prima di tutto facciamo attenzione alla miscela. Con l’arabica otterremo un caffè dolce, ma con una crema fine e poco consistente, mentre con la robusta guadagneremo un sapore più aspro che però avrà una crema più compatta. Quindi optiamo per il giusto compromesso. Quanto al dilemma caffè lungo o ristretto, consideriamo come quantità ottimale per il caffé shakerato 50 millilitri circa. E poiché la dose normale è intorno ai 30 o ci prepariamo un caffè lungo o un paio di ristretti (io preferisco la prima alternativa perché con l’aggiunta del ghiaccio già verrà rilasciata molta acqua e il gusto finale potrebbe essere deludente.

 

caffeeee

 

 

Gli ingredienti del caffé shakerato

Gli ingredienti per un buon caffé shakerato sono il ghiaccio, lo zucchero e il caffè caldo. Dedichiamo al caffè espresso e versiamolo subito nel bicchiere con ghiaccio e zucchero miscelando energicamente gli ingredienti per una decina di secondi. Possiamo usare uno shaker (il migliore per fare il caffé shakerato è il boston dalla caratteristica forma allungata). Altri metodi più rudimentali sono un bicchiere col coperchio o un frullatore.

 

Il bicchiere perfetto per il caffé shakerato

Il Martini Drink o il modello Flute sono perfetti per il caffè shakerato. E se non li abbiamo a portata di mano, andrà benissimo un bicchiere lungo di vetro o un classico calice di vino. L’importante è che il recipiente con cui misceliamo deve essere ghiacciato in modo da contribuire a formazione di una schiuma voluminosa e persistente come se fosse una crema.

 

Maristella Di Martino

Giornalista e scrittrice enogastronoma, sommelier e maestro assaggiatore di formaggi, è dottore di ricerca specializzato nella comunicazione enogastronomica e nel marketing territoriale (soprattutto nell'organizzazione di eventi). leggi tutto

commenta

Your email address will not be published.

Mostra
Nascondi