Carciofo, dimagrire con gusto - Pianeta Gourmet - giornale su gusto e benessere

Carciofo, dimagrire con gusto

Posted by

Carciofi… Per tanto di noi sono il fiore della forma perfetta ma ci sembra ideale un vecchio slogan pubblicitario degli anni Sessanta. “Contro il logorio della vita moderna” pubblicizzava il famoso Cynar, l’amaro appunto a base di carciofo.

 

carciofi_ripieni

 

E la definizione, per la verità, è quanto mai azzeccata. Perché mister carciofo contiene una marea di benefici talmente salutari da fare invidia a moltissimi altri ortaggi campani. Ideale nelle diete nelle quali ci fa guadagnare un fisico mozzafiato, è un cibo con pochissime calorie oltre a custodire una vera e propria miniera di principi attivi e particolari virtù terapeutiche.

 

Carciofo, alleato di buona salute

Apprezzato per le sue proprietà toniche e disintossicanti, per la capacità di calmare la tosse e fortificare il cuore, il carciofo è un alimento ricco di fibre (è quindi un lassativo naturale), oltre a buone quantità di calcio, fosforo, magnesio e potassio. Regola l’appetito, ha effetti diuretici ed è un ottimo rimedio naturale contro colesterolo, diabete, ipertensione, sovrappeso e cellulite. Cosa volere di più? Oltre ad essere un prezioso digestivo, contiene molto ferro e combatte la ritenzione idrica, ma andrebbe mangiato crudo dal momento che gli effetti salutistici vengono disattivati dalla cottura. E’ un grande alleato del fegato perché aiuta a purificare il sangue ma per trarre beneficio dalle sue straordinarie qualità quanti carciofi dovremmo mangiare al giorno? La dose ideale è compresa tra i 100 e i 300 grammi al giorno per diversi mesi.

 

Come cucinare i carciofi

A volte, traversando in macchina la campagna di Terra di Lavoro, sono rimasta inebriata dal profumo inconfondibile che mi richiamava mentre ero in giro per aziende. Ai bordi delle strade, infatti, ancora oggi pazienti signore si fanno in quattro per controllare la cottura dei carciofi arrostiti: alcune nonne li preparano ancora nel tegame sul fuoco, dopo averli sbattuti su un piano da lavoro per farli aprire naturalmente e conditi con olio d’oliva, aglio e prezzemolo, facendoli poi ammorbidire sul fornello. Prerogativa indispensabile per chi li vuol provare è la pazienza: le foglie del carciofo, infatti, vanno gustate ad una ad una e succhiate con grazia fino a tirarne fuori quel gusto che rimanda indietro nel passato, alle tavolate di contadini e braccianti che rincasavano dopo una giornata di lavoro nei campi e solo il cibo genuino che elargiva generosa madre natura riusciva a consolarli. Altra ricetta squisita veloce è l’insalata o il pinzimonio, da servire come aperitivo per stuzzicare l’appetito accompagnato con qualche crostino di pane casareccio, magari con qualche carciofino sott’olio.

 

dieta

 

Le proprietà dimagranti dei carciofi 

Se siete alla ricerca della forma fisica perfetta, non c’è nulla di meglio di un sano e salutare carciofo. La vostra dispensa deve custodirne sempre in abbondanza perché sono ideali per spezzare la fame prima dei pasti. Il nostro consiglio è di mangiarli crudi, con un po’ di limone per attutirne il gusto amaro e per conservarli integri in tutti i loro principi nutritivi, altrimenti persi con la cottura. Con “solo” 22 calorie per 100 grammi di prodotto, farete il pienone di buona salute e dimagrirete senza sacrificare il gusto.

 

Come acquistare i carciofi

Innanzitutto i carciofi vanno scelti se sono freschi e dobbiamo fare attenzione a che il gambo si spezzi con la pressione di un dito senza piegarsi. Punta chiusa, foglie esterne verde scuro ed interne chiare e tenere, poca barba e gambo tenero sono le altre caratteristiche su cui concentrarsi. Se vogliamo consumarli crudi, preferiamo quelli giovani, di solito più piccoli e con foglie rigide e compatte. Il segreto per riconoscerne la freschezza è di afferrarli tra l’indice e il pollice e premere: il prodotto deve opporre resistenza ma non appiattirsi.

 

La ricetta della tisana con l’acqua di cottura dei carciofi

Una volta cotti i carciofi, non gettate l’acqua di cottura perché, in quanto ricca di minerali con conseguenti effetti curativi, va riutilizzata per assicurare particolare sapore a minestre e zuppe a cui garantisce un maggiore apporto di fibre. E con le foglie in infusione potrete realizzare anche una tisana depurativa ai carciofi in modo da eliminare le tossine, sgonfiare la pancia e riattivare la circolazione sanguigna. La ricetta della tisana depurativa è presto detta: la potete preparare con le foglie esterne dei carciofi lasciandole in infusione per alcuni minuti e, se il sapore risulta amaro, ecco alcuni piccoli segreti per rendere gradevole la vostra bevanda. Il problema sarà risolto aggiungendo qualche semino di finocchio, che tra l’altro ha proprietà digestive o, in alternativa, una radice di liquiriziafoglie di menta e di melissa che vanno lasciate in infusione per un quarto d’ora e poi filtrate.

Maristella Di Martino

Giornalista e scrittrice enogastronoma, sommelier e maestro assaggiatore di formaggi, è dottore di ricerca specializzato nella comunicazione enogastronomica e nel marketing territoriale (soprattutto nell'organizzazione di eventi). leggi tutto

commenta

Your email address will not be published.

Mostra
Nascondi