Che estate sarebbe senza anguria? - Pianeta Gourmet - giornale su gusto e benessere

Che estate sarebbe senza anguria?

Posted by

Anguria: prodotto dissetante, ipocalorico e facile da preparare. E allora che estate sarebbe senza anguria? Sulla spiaggia o in giardino, a pranzo o a cena, per un aperitivo o per un break l’anguria è sempre perfetta, anche per i bambiniA patto di consumarla nelle giuste proporzioni.

 

anguria

 

Alcuni la conoscono col nome scientifico cucurbita citrullus, altri semplicemente come melone d’acqua, qualcuno come cocomero mentre per gli Inglesie è watermelonin. Ma per noi è la signora anguria. L’altissimo contenuto di acqua (circa il 90%) la rende ideale per l’estate considerando che è ricca di vitamina A e C nonché potassio ma contiene pochi zuccheri (circa l’8%). E poi non è vero che non si digerisce bene… Sfatiamo subito questo mito: consumiamola nelle giuste quantità. In una dieta equilibrata è opportuno mangiare più o meno 100 grammi di frutta a merenda o spuntino, vale a dire mediamente tra le 40 e le 50 kilocalorie. Ma quante calorie conta l’anguria? A conti fatti 100 grammi equivalgono a circa 30 kilocalorie, 0,61 grammi di proteine e 0,15 di grassi. Per la precisione, 100 grammi di anguria corrispondono a 8 cubetti di un paio di centimetri. Quanto al peso, una fetta spessa 2 centimetri con la buccia pesa 390 grammi, invece sbucciata 270.

 

anguria4

 

Dove mangiare l’anguria?

Comoda da mangiare, una volta sbucciata e privata di quegli antipatici semini interni che esercitano un forte effetto lassativo, tagliamo la nostra fetta a pezzetti. Ci darà sollievo dalla calura estiva e ci rinfrancherà dalle fatiche della giornata. L’altro giorno l’ho preparata per fare uno spuntino a bordo piscina e vi assicuro che l’abbiamo gustata davvero volentieri. L’unico imperativo è servirla fredda, magari in abbinamento con qualche altra frutta estiva: albicocche, ciliegie, pesche, pere o fragole sono il giusto connubio per rendere la nostra siesta allegra e colorata.

 

Come abbinare l’anguria

E poi che ne pensate di servirla con il pesce: l’abbinamento è indovinato sia per affinità (dolcezza con dolcezza nel caso dei crostacei) che per contrasto (dolcezza e sapidità, per esempio con il baccalà). È ottima anche con formaggi e verdure: mescolata con pomodori e cetrioli, l’anguria può essere aggiunta a qualsiasi genere di insalata purché verde e croccante come la tenera lattuga o la rucola piccantina per creare un bel gioco di sapori. Miracolosa è poi nella versione granita o in quella macedonia minimal. In questo caso vi svelo un mio segreto: per non farla annerire, una volta tagliata, la conservo in frigorifero immersa nell’aranciata. E se ancora non siete sazi, provatela in un cocktail di polpa frullata con zucchero di canna, menta e succo di limone o lime. Nel caso ci tenete a fare bella figura, eccovi un’altra chicca: servite il drink in mezze angurie baby svuotate, con cannucce e ombrellini: e avrete catturato così la magia dell’estate…

 

Maristella Di Martino

Giornalista e scrittrice enogastronoma, sommelier e maestro assaggiatore di formaggi, è dottore di ricerca specializzato nella comunicazione enogastronomica e nel marketing territoriale (soprattutto nell'organizzazione di eventi). leggi tutto

commenta

Your email address will not be published.

Mostra
Nascondi