Il Cuore perduto della Tenuta Riccardi Toscanelli - Pianeta Gourmet - giornale su gusto e benessere

Il Cuore perduto della Tenuta Riccardi Toscanelli

Posted by

Cuore perduto, un rosso che sa di ricordi. Ecco l’ultimo vino prodotto dalla Tenuta Riccardi Toscanelli di Pontedera in provincia di Pisa. Presente anche nel Salernitano e in particolare in costiera amalfitana, questo prodotto è un’elegante espressione della vitivinicoltura toscana nato dal ritrovamento di un dono regalato alla proprietaria dal suo amato. Il fascino della storia è riportato in un’antica pergamena e rappresenta un racconto che ha il potere di far sognare a occhi aperti.

 

tenuta_riccardi_toscanelli1

 

La protagonista è Elisa Toscanelli, l’ultima discendente della Tenuta: la donna aveva perso un ciondolo a forma di cuore e non l’ha più ritrovato per cui l’attuale proprietaria Nadia Carolina Negro ha pensato di recuperarlo in una bottiglia di vino.  Per questa ragione nasce “Cuore Perduto”.

 

La Tenuta Riccardi Toscanelli

L’azienda si trova a Pontedera, in provincia di Pisa ed è ubicata in una villa settecentesca co un imponente parco e morbide vigne che si adagiano nella campagna toscana. Dai vigneti di Sangiovese, Canaiolo, Merlot, Syrah, Viognier e Vermentino sono state realizzate sei etichette, ognuna con propria personalità.

 

tenuta_riccardi_toscanelli2

 

I vini Tenuta Riccardi Toscanelli

In commercio dal 2015, i vini di Tenuta Riccardi Toscanelli vantano una linea di punta: Cuore Perduto, Cuor Rosè e Occhi Verdi. Vediamone alcuni un po’ più nel dettaglio:

CUOR ROSE’- da uve Canaiolo 100%

Esprime la piacevolezza dei profumi di fragola selvatica e sottobosco, vino di buona freschezza con finale morbido, ben bilanciato e persistente.

OCCHI VERDI - da uve Viognier 100%

Si presenta giallo paglierino dai riflessi verdognoli, al naso note di frutta gialla, al gusto fresco e avvolgente al tempo stesso.

CUORE PERDUTO, blend da uve Sangiovese, Merlot e Syrah; vino elegante, rubino vivace, porta i profumi intensi della frutta rossa polposa. Si lascia apprezzare per il sorso avvolgente, la freschezza e il tannino fine, la chiusura morbida e piacevolmente persistente riporta al palato il frutto promesso al naso.

 

I riconoscimenti ottenuti da Cuore Perduto

– Concours Mondial De Bruxelles 2016  Medaglia Argento

– “Pisano più schietto”  2017

– Decanter 2018  Medaglia Bronzo

– “Pisano più schietto”  2018

 

Maristella Di Martino

Giornalista e scrittrice enogastronoma, sommelier e maestro assaggiatore di formaggi, è dottore di ricerca specializzato nella comunicazione enogastronomica e nel marketing territoriale (soprattutto nell'organizzazione di eventi). leggi tutto

commenta

Your email address will not be published.

Mostra
Nascondi