La bellezza? Servita con l’uva passa - Pianeta Gourmet - giornale su gusto e benessere

La bellezza? Servita con l’uva passa

Posted by

La chiamiamo anche uvetta, ma per tutti più facilmente uva passa e possiamo essiccarla personalmente esponendola al sole o a getti di aria calda. È particolarmente ricca di zuccheri, e quindi molto più calorica di quella fresca, ricca di calcio, ferro, fosforo, potassio e vitamina A. È utile, poi, in caso di magrezza ed anemia, ma soprattutto bronchite e laringite.

uva_passa2

Batte il mal di gola 

Un bel decotto, preparato con 2 cucchiaini di questa uva passa in una tazza di acqua in ebollizione è un toccasana per la gola infiammata. E ci rimette a nuovo prevenendo anche le malattie da raffreddamento tipiche dei cambi di stagione.

uva_passa00

Viso al top col tonico…

Per tonificare e prevenire la comparsa delle prime rughe, frulliamone una decina di chicchi con i semi. Dopo aver pulito viso e collo con il latte detergente, stendiamo il composto sulle parti interessate e dopo un quarto d’ora sciacquiamo con acqua tiepida.

…e maschera idratante

Vogliamo nutrire ed idratare la  in profondità e proteggerla dai radicali liberi? Amalgamiamo in una ciotola un paio di cucchiai di succo d’uva con altrettanti di olio di mandorle e un cucchiaio di farina di mandorle. Applichiamo il composto ottenuto su viso e collo e lasciamo agire per un quarto d’ora sciacquando con abbondante acqua tiepida.

 

uva_passa0

 

Labbra secche

Basta un chicco d’uva per eliminare le cellule morte e curare le screpolature. Tagliamo a metà un acino e passiamolo lentamente sulle labbra come stendessimo un rossetto. Completiamo il trattamento tamponando con un batuffolo di cotone imbevuto con un tonico analcolico per rimuovere le pellicine.

Impacco per capelli

Abbiamo sempre sognato una chioma spendente? Frulliamo un grappolo d’uva con buccia e semi eliminando poi il liquido in eccesso e applichiamo sul cuoio capelluto per stimolare la produzione di collagene. Massaggiamo con cura e lasciamo riposare un quarto d’ora risciacquando abbondantemente con acqua tiepida.

 

Maristella Di Martino

Giornalista e scrittrice enogastronoma, sommelier e maestro assaggiatore di formaggi, è dottore di ricerca specializzato nella comunicazione enogastronomica e nel marketing territoriale (soprattutto nell'organizzazione di eventi). leggi tutto

commenta

Your email address will not be published.

Mostra
Nascondi