Pancia piatta, le 10 mosse - Pianeta Gourmet - giornale su gusto e benessere

Pancia piatta, le 10 mosse

Posted by

La pancia piatta? Non è un desiderio irrealizzabile. Vi sveliamo le 10 mosse per eliminare il gonfiore addominale e liberarci di quel senso di pesantezza e digestione lenta che ci fa sembrare grasse. Ecco i rimedi per sgonfiarsi e sentirsi in forma

 

natale_dieta0

 

Le 10 abitudini sgonfia pancia

Il gonfiore addominale è dovuto ad un accumulo di gas nello stomaco e/o nell’intestino, causati da un’alimentazione sbagliata. Però a volte contribuiscono anche ansia, stress o irritazione intestinale. Per sgonfiare la pancia seguiamo queste abitudini sane…

  1. Segui una dieta equilibrata
  2. Non saltare i pasti
  3. Mangia lentamente
  4. Non bere con cannucce e non masticare chewing-gum
  5. Azzera il consumo di bibite gassate e riduci gli alcolici
  6. Bevi acqua
  7. Fai piccoli pasti contenuti e ripetuti nell’arco della giornata
  8. Lascia passare almeno 3 ore dall’ultimo pasto prima di metterti a letto
  9. Bevi una tisana per ridurre la fermentazione intestinale
  10. Fai attività fisica

 

I cibi che gonfiano

Innanzitutto i legumi (meno la soia, i piselli e i fagiolini). Ma anche patate, fritti e cibi eccessivamente grassi sono responsabili del gonfiore addominale e vanno consumati con parsimonia. Dannosi risultano poi latte e latticini così come grano, orzo, farina bianca, integrale e di legumi, kamut, segale e semolino. Tra le verdure ricordiamo che verze, cavoli, crauti, carciofi, funghi, cicoria, cetrioli e asparagi sono tutti ad alto rischio fermentazione. Meglio limitare pure la frutta secca (specialmente i pistacchi e preferire mandorle, noci, pinoli) e alcuni frutti freschi quali avocado, albicocche, ciliegie, cocomeri, cachi, fichi, mango, mele, more, pere, pesche e prugne. Bandiamo gli alcolici, la birra e tutte le bevande che non sono l’ideale per sgonfiare la pancia.

 

aranciata

 

I cibi che sgonfiano

Gli alimenti che ci aiutano a sgonfiare la pancia sono tanti, semplici da reperire e buoni. A partire dalla colazione. Iniziamo con lo yogurt (o il latte, entrambi vegetali) che aiuta la flora batterica intestinale e arricchiamolo con una manciata di mirtilli per gli effetti diuretici e antinfiammatori di questi chicchi. Ma se parliamo di frutta, ecco pronta una lista ottima per le proprietà sgonfia pancia. Dalla papaya che vanta un forte potere drenante e favorisce la digestione delle proteine (una delle principali cause del gonfiore addominale) agli agrumi. Pompelmi e limoni, in particolare, svolgono un’importante azione drenante, contengono enzimi che riducono i gonfiori e sono alleati della digestione. Stesse proprietà si trovano in kiwi, lamponi, fragole e ananas. La mela invece è preziosa se mangiata con la buccia perché agisce sulla ritenzione idrica. Ma non demonizziamo uva, ananas e banana matura che si possono consumare in quantità moderate. Buona funzione detox è assicurata dalla verdura (carciofi, ravanelli, finocchi e asparagi) e dalle spezie come la cannella (che riduce la fermentazione) e la menta (sia in foglie che in infusi) che riduce la fermentazione ed erbe drenanti come il tè verde. Benissimo poi mangiare carote, coste, lattuga, melanzane, patate, peperoni, pomodori, zucchine, zucca e, senza esagerare, broccoli e finocchi. Sono concessi tutti i tipi di carni magre e pesce, prosciutto sgrassato e bresaola, uova e addirittura il cioccolato fondente. Quanto ai formaggi, godiamo senza sensi di colpa di quelli di vacca, capra o pecora (bene il parmigiano reggiano, il grana padano, il pecorino e la feta).

 

Metodi di cottura e condimenti sani

Non facciamo orecchie da mercante ai fornelli. I piatti elaborati vanno messi per un po’ da parte, ugualmente i condimenti pesanti e le salse. Puntiamo su metodi di cottura semplici, come il vapore e su quelli al forno. E per insaporire i piatti, si alle spezie e agli aromi naturali così come ad olio, aceto (balsamico e non), salsa di soia e senape.

Maristella Di Martino

Giornalista e scrittrice enogastronoma, sommelier e maestro assaggiatore di formaggi, è dottore di ricerca specializzato nella comunicazione enogastronomica e nel marketing territoriale (soprattutto nell'organizzazione di eventi). leggi tutto

commenta

Your email address will not be published.

Mostra
Nascondi