Pasta e benefici, il connubio perfetto - Pianeta Gourmet - giornale su gusto e benessere

Pasta e benefici, il connubio perfetto

Posted by

Che la pasta faccia bene non c’è ombra di dubbio. E tantomeno che la pasta Setaro sia di eccellente qualità. Per di più è un toccasana, non solo per il corpo ma anche per la mente. Simbolo della dieta mediterranea, rappresenta un’ottima alleata del buon umore, fonte di energia pura, non fa ingrassare e concilia il sonno senza dimenticare che accelera il metabolismo, favorisce la concentrazione ed aiuta il cuore. Ad affermarlo sono specialisti e comitati scientifici di tutto il mondo che sottolineano che l’ideale è consumare quella di grano duro, specialmente se trafilata al bronzo e, tra i formati più salutari, gli spaghetti sono da preferire agli altri purché siano cotti al dente con un’attenzione massima per i condimenti tra i quali il migliore è l’olio extravergine di oliva.

 

pasta0

 

Se poi la pasta viene realizzata con metodi artigianali, ci troviamo di fronte ad un prodotto unico e speciale che è una sintesi di tutti benefici sopra riportati. La pasta Setaro, quindi. Vale a dire le oltre 100 trafile che vengono messe sul mercato, mantengono intatte le proprietà organolettiche di questo alimento e ne garantiscono il gusto originario rendendo qualsiasi formato particolarmente digeribile. In altri termini, se ci soffermassimo a valutare il contenuto di vitamina B1 (tiamina) e B2 (roboflavina) tra prodotti preparati con metodo artigianale ed altri industriali, scopriremmo che all’aumentare della temperatura di essiccazione, nel secondo esempio, le capacità nutrizionali della pasta diminuiscono notevolmente così come ne viene penalizzato il sapore. E se tutto ciò ancora non vi avesse convinto a diventare, nell’ipotesi remota che ancora non lo siate, appassionati consumatori di pasta, arriva un altro contributo scientifico a consolarvi.

 

setaro0

 

A mettere nero su bianco ancora una volta le proprietà salutari di questo alimento, infatti, e dei carboidrati più in generale è anche la Dichiarazione di Consenso scientifico “Healthy Pasta Meal”, a firma di venti scienziati provenienti da nove paesi di tutto il mondo (in particolare Italia, Stati Uniti, Francia, Portogallo e Brasile) durante il World Pasta Day & Congress che si è tenuto nel 2015 ma che resta sempre attuale. In questa sede è stato stilato un elenco di dodici punti che, innanzitutto, ribadisce l’importanza di un regime alimentare completo indicando tra i modelli tradizionali soprattutto la dieta mediterranea. E sull’ipotesi che la pasta sia nemica giurata della bilancia esattamente come i grassi si precisa che sono le calorie in eccesso, non i carboidrati, a causare l’obesità. Questo alimento, si legge ancora nel documento, è adatto ad adulti e bambini, anziani e sportivi; assicura un senso di sazietà duraturo e, se la porzione è corretta (80 grammi) e il condimento non è troppo ricco, a conti fatti un piatto equivale ad un contenuto di calorie moderato. Per chi soffre di diabete, poi, aiuta a tenere sotto controllo sia i livelli di glucosio nel sangue che il peso tenendo conto che, oltre ad essere un prodotto facilmente reperibile, sono davvero mille gli abbinamenti possibili.

 

Maristella Di Martino

Giornalista e scrittrice enogastronoma, sommelier e maestro assaggiatore di formaggi, è dottore di ricerca specializzato nella comunicazione enogastronomica e nel marketing territoriale (soprattutto nell'organizzazione di eventi). leggi tutto

commenta

Your email address will not be published.

Mostra
Nascondi