Specchi esseni, ecco come star bene - Pianeta Gourmet - giornale su gusto e benessere

Specchi esseni, ecco come star bene

Posted by

di Cecilia Salerno*

 

Specchi esseni, o autoconoscenza, per star bene. Ecco il segreto del benessere. Ognuno ha una sua vita, una strada da percorrere e un suo modo di decifrare. E quindi quando comunichiamo le nostre verità ad un’altra persona parliamo a noi stessi.

 

bellezzaok

 

 

Applicando il concetto degli specchi esseni quotidianamente passiamo attraverso la sofferenza mentre la via più semplice per l’equilibrio, l’armonia interiore è la semplificazione, l’accettazione ed il rispetto degli altri, visti come dei simboli, segnali e doni per cui ringraziare. Ogni scontro, ogni discussione è un momento utile di autoconoscenza, auto-osservazione e crescita. Quale miglior modo abbiamo di decifrare il segnale che una persona ci mostra, entrando nella nostra vita? Rispecchiandoci in lei. L’immagine riflessa rimanda ciò che siamo e come vibriamo come i nostri pensieri, le nostre emozioni ci fanno muovere all’interno delle relazioni.

 

 

Il mondo esterno come nostra proiezione

La scienza l’ha dimostrato. Il mondo che noi percepiamo è il frutto dell’elaborazione del nostro sistema nervoso che risponde agli stimoli esterni interpretandoli e traducendoli in forme, colori, suoni ed odori. Anche il nostro livello di coscienza, la nostra interiorità si arricchisce, si alimenta e disegna la sua mappa rispondendo all’esterno secondo il suo codice. Di conseguenza in base a come Io Sono ed eventualmente a come Io Cambio la realtà esterna è costretta ad adeguarsi, perché non possiede un’identità indipendente da come la percepisco. Fino a quando non siamo consapevoli della nostra interiorità, di com’è fatta, di come funziona, pensiamo che tutto ciò che accade fuori, determini come ci sentiamo o addirittura di come siamo fatti interiormente!

 

 

Siamo noi che determiniamo i fatti

Abbiamo sempre vissuto con la convinzione che ciò che accade fuori ci faccia sentire tristi, felici, soddisfatti o delusi. Quello che sentiamo, le nostre emozioni sono sempre merito o colpa di qualcosa o qualcuno. Con questa regola abbiamo vissuto fino ad ora, abbiamo sempre pensato che le cose funzionassero così. La verità è che la nostra coscienza crea la realtà che viviamo, non è la realtà che influenza la coscienza.

 

bellezza_zucca

 

La storia dei due cani

Si racconta la storia di due cani che, in momenti diversi, entrarono nella stessa stanza. Uno ne uscì scodinzolando, l’altro ringhiando. Una donna li vide e, incuriosita, entrò nella stanza per scoprire cosa rendesse uno felice e l’altro così infuriato. Con grande sorpresa scoprì che la stanza era piena di specchi: il cane felice aveva trovato cento cani felici che lo guardavano, mentre il cane arrabbiato aveva visto solo cani arrabbiati che gli abbaiavano contro. Quello che vediamo nel mondo intorno a noi è un riflesso di ciò che siamo. Tutto ciò che siamo è un riflesso di quello che abbiamo pensato. La mente è tutto. Quello che pensiamo diventiamo.

 

 

I sette specchi esseni

 

Un aiuto molto valido per aiutarci a conoscerci meglio, ad interpretare la realtà e ad aiutarci nelle relazioni ci viene dalla teoria degli specchi esseni. Grazie a Gregg Braden che ha reso organica questa teoria scritta su dei rotoli, ritrovati all’interno di una grotta nei pressi del Mar Morto, possiamo avvalerci di uno schema semplice ma ricco di spunti.

 

 

I sette misteri degli specchi esseni

Il popolo esseno era formato da individui che come in una sorta di comunità lavoravano e si mettevano a disposizione degli altri. Vegetariani e senza l’uso del danaro, vivevano aiutandosi e collaborando. Non riconoscevano il vincolo del matrimonio e si collocavano fuori dalle città. Hanno identificato il ruolo dei rapporti umani dividendoli in sette misteri corrispondenti ad altrettante tipologie di rapporto che ciascun individuo avrebbe sperimentato nel corso della sua esistenza in relazione con l’altro. Definiti specchi, in quanto avrebbero sempre rammentato che in ogni momento la nostra realtà interiore ci viene rimandata dalle azioni, dalle scelte e dal linguaggio di chi abbiamo di fronte. Questo riflesso può però verificarsi per analogia o per contrappasso. Tale teoria così affascinante e così utile può essere adottata solo e se scegliamo di osservare noi stessi e gli altri con compassione, in modo amorevole.

 

 

La teoria degli specchi esseni

La teoria degli specchi esseni è come un libretto d’istruzioni per la nostra autoconoscenza, è un aiuto attualissimo per aiutarci a stipulare un rapporto sacro con noi stessi e riconoscere la nostra identità. Ogni volta che nasce in noi il bisogno o la volontà di voler cambiare situazioni e persone agendo direttamente su di loro, ci siamo cascati di nuovo. Apriamo gli occhi, spalanchiamo il cuore, attiviamo i sensi: perché le parole non rispecchiano i fatti.

 

 

 

 

 

 

 

 

*naturopata specializzata in tecniche bioenergetiche orientali, floriterapeuta, operatrice e.f.t.

josalerno@hotmail.it

 

 

 

 

Maristella Di Martino

Giornalista e scrittrice enogastronoma, sommelier e maestro assaggiatore di formaggi, è dottore di ricerca specializzato nella comunicazione enogastronomica e nel marketing territoriale (soprattutto nell'organizzazione di eventi). leggi tutto

commenta

Your email address will not be published.

Mostra
Nascondi